Salta al contenuto

Caterina Chinnici oggi a Favignana: “Molto penalizzanti per l’isola le quote tonno decise dal governo, auspicabile una rapida revisione”. L’eurodeputata di S&D ha incontrato stamattina i pescatori.

“Auspico che la ripartizione delle quote per la pesca del tonno decisa dal governo nazionale possa essere oggetto di revisione in tempi rapidi, perché nei termini attuali risulta iniqua e molto penalizzante per l’isola di Favignana, comportando di fatto la non sostenibilità sul piano economico dell’attività già programmata”.

Lo ha detto oggi Caterina Chinnici, eurodeputata di S&D, intervenendo al congresso nazionale Konsumer Italia in corso sull’isola delle Egadi, all’interno della tonnara ex stabilimento Florio. A fine mattinata l’europarlamentare siciliana ha incontrato una delegazione dei pescatori insieme con i responsabili locali del PD.

Un momento dell’incontro con la delegazione dei pescatori

“Oltre a essere molto importante per l’economia e dal punto vista occupazionale, la pesca del tonno e il suo indotto rappresentano un pezzo della storia e della cultura di questo territorio e dell’intero Paese – ha sottolineato l’europarlamentare siciliana – e occorre fare tutto il possibile per tutelare questa risorsa, che può costituire un valore anche in chiave turistica. Meritano il giusto approfondimento le osservazioni avanzate dai pescatori, che ritengono il sistema delle quote inadatto alla pesca condotta con reti fisse per un solo mese all’anno. Come europarlamentare farò la mia parte a sostegno del comparto e lavorerò con i colleghi per un’attribuzione di quota tonno generale all’Italia il più possibile adeguata, fermo restando che poi la suddivisione interna è competenza del governo nazionale”.

Il congresso nazionale Konsumer Italia

(COM)

Condividi sui social

Published inNews

Sii il primo a commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *